HOME    GALLERY    ITALIANO    DEUTSCH    FRANCAIS    ENGLISH    PERSONALI-INFO    COLLETTIVE    BIBLIOGRAFIA    NEWS-DIVERSI

 

ITALIANO
 

Ro Milan

Anche se non si tratta di un "paesaggista", il paesaggio, in tutti i suoi aspetti e in tutte le sue componenti, costituisce la ricerca formale e spirituale del pittore Ro Milan Per l’artista non sono importanti i luoghi specifici : la natura è un modello, un pretesto per dipingere forme e colori. Il suo approccio è interiore e cerca di carpire i ritmi delle forme, lo spirito delle cose, l’atmosfera che aleggia nell’aria.

Le montagne, le pianure, il mare, la battigia, le regioni e le stagioni, le sensazioni, gli oggetti che gli sono cari (quasi sempre presentati singolarmente), sono spesso costruiti in uno spazio senza tempo, senza norme accademiche, senza accadimenti, a volte con una prospettiva metafisica.

La natura cessa di essere tale per assurgere a referente dell'esistenza con le sue sfaccettature. Il distacco prospettico e il coinvolgimento poetico della sua pittura traducono molto bene la delicatezza delle situazioni interiori, aritmicamente scandite in modo ordinato.

Con linee orizzontali e trasversali, con tagli particolari e con piani sovrapposti ottiene dei risultati che confinano talvolta con l’arte astratta.

La grafia dei contorni blocca l’immagine in una luce ferma e le stesure sono spesso larghe e pacate e la tavolozza è calda e personale. Da questi trasfigurati e reinventati paesaggi e dalle sue personali interpretazioni della natura traspare un larvato senso di solitudine, un sereno e silenzioso distacco, suscitando sensibili emozioni e quella misteriosa sensazione spirituale che si chiama arte.

Curriculum
 
Roberto Milan è nato a Tortona  nel 1937 e dal 1946 abita a Chiasso. Ha iniziato giovanissimo a dipingere e a scrivere poesie e racconti collaborando a riviste e quotidiani.
 
Nel 1963 pubblica la prima raccolta di poesie “Il canto delle rane”; nel 1965 il Corriere del Ticino pubblica in 60 puntate il suo primo breve romanzo “La Valle dei Templi”, nel 1967 dà alle stampe la breve raccolta di poesie e disegni “Uomo Antiuomo” con la prefazione di Bixio Candolfi, e nel 1977  esce la raccolta di racconti “Il carnevale di Mario”. Nel 1976 la rivista Cenobio di Lugano pubblica il suo saggio “Arte e società”.
 
Dipinge con assiduità dal 1970 partecipando ad esposizioni in Svizzera ed in Italia. Sue opere sono  in collezioni pubbliche e private. Si è occupato anche di critica artistica recensendo esposizioni per riviste equotidiani.

   
Lagalp, olio, 50x60, 1996


Giura, tempera, 42x61, 2003


Albero, tempera, 29.5.21, 2002




ALL RIGHTS RESERVED